TIM Mobile, i servizi a pagamento, ed il CRM senza valore aggiunto

Sono stato indeciso fino all’ultimo momento sul titolo da dare a questo post. Tralasciando qualunque velleità acchiappaclick, mi sembrava utile – vista anche la mia professione – focalizzarmi sulla carenza di valore aggiunto del servizio CRM che mi è stato offerto. Ma andiamo con ordine.

Cosa è successo?

Una cosa abbastanza comune, a quanto pare. Il 26/7 clicco involontariamente su un link che mi porta all’attivazione di un servizio a pagamento offerto da un’azienda spagnola (la Premium Digi Rates SMS).

L’azienda ha, presumo, un accordo commeriale con i 4 operatori italiani, ai cui clienti offre un acccesso al loro mobile-site al poco economico costo di 5 € (5,08 o 5,09 per alcuni operatotri) a settimana.

Benvenuto un cas...
Benvenuto?!?

Alle 16.49 mi arriva il seguente SMS, che conferma l’attivazione.

 

Disattivazione
Certo, virgola, certo, tornerò a trovarvi…

Chiamo subito il numero, e disdico immediatamente. Alle 16.55 (6 minuti dopo) mi arriva questo altro messaggio.

 

Fiuu…rischio scampato. Ma neanche per sogno!

Il 16 agosto (3 settimane dopo) mi accorgo dell’ennesimo addebito di 5 e rotti euro. Allora accedo alla sezione “Servizi in Abbonamento” della pratica (ancorchè imperfetta) applicazione myTIM, e trovo il servizo, con mia sorpresa ancora attivo. Lo disattivo immediatamente, dopodichè avvio una sessione di chat con l’operatore, che mi risponde in tempi ragionevoli.

Tralasciando i dettagli, l’operatore è molto fermo sulla sua posizione. Niente rimborso, ma gentilmente mi assiste nel inserire il blocco per la mia utenza per evitare future attivazioni. Siccome è lunga da spiegare via chat, decido di mettermi in contatto con un operatore al telefono, tramite il 119. Anche qui, non risulta altra disattivazione se non quella fatta da me un’ora prima. Propongo di mandare lo screenshot con la conferma della disattivazione che a TIM non risulta, ma loro non hanno modo per riceverlo. Rinuncio, ma non prima di aver scritto un post velatamente polemico su twitter.

Twitter Social Care TIM
Dopo pochissimo mi risponde il social care di Tim Mobile, che prende in carico la mia richiesta. Mi si aprono gloriose prospettive…subito disattese. L’operatore del social care di TIM riesce, in brevissimo tempo a dirmi, nell’ordine:

  1. “So che è stato già servito dal 119, la saluto” (cosa che gli avevo già scritto io via DM)
  2. “Vedo che risulta la disattivazione in data odierna, la saluto” (Grazie a…)
  3. “…i servizi a contenuto offerti dai Provider, comportano automaticamente l’attivazione degli stessi in abbonamento, pertanto ti invito a fare attenzione a non cliccare sui bunner di pubblicità che spesso appaiono durante la navigazione (anche sui social)” (Ma che davero?)

Fallimento su tutti i fronti. Devo dirlo, la gentilezza, almeno quella, non è mancata (quasi) mai.

Cosa non ha funzionato?

Tante, troppe cose.

I servizi in abbonamento di questo tipo sono il male, e andrebbero, secondo me, aboliti per legge. Non conosco una sola persona che li abbia attivati (o che li usi e paghi) volontariamente. Non una. E questo è un male sistemico. Gli operatori purtroppo guadagnano da questi servizi a pagamento, quindi non hanno interesse a bloccarli (anzi). Ma qui andiamo fuori tema.

Non ha funzionato la trasparenza di questo provider di servizi, che mi ha scritto per SMS di aver disattivato, e invece non lo ha fatto. Ma anche qui, ho poco da aggiungere.

Quello che non mi va giù è il (poco o nullo) valore che il servizio CRM di TIM, una grande azienda con una grande storia e una grande presenza sul mercto, è riuscita ad offrirmi. Nessuna attenzione, nessun approfondimento, risposte tutte molto standard che – poco ci manca – a breve pure un bot potrebbe fornire. Non so se questo dipenda dall’eccessivo numero di case che gli operatori seguono in contemporanea, se dipenda da una limitata preparazione o invece da specifiche indicaizoni aziendali. In estrema sintesi, dipende sicuramente da una scarsa cultura del valore, che dovrebbe essere, per la funzione CRM, il vero driver. Non basta presidiare i canali, se poi gli operatori non sono committati all’erogazione dei valori aziendali verso i clienti.

Conclusioni

Cosa possono fare le aziende per assicurarsi di offrire un adeguato servizio di assistenza ai clienti? Semplice: misurare il valore di ogni interazione. Dunque, pianificare e progettare il CRM in modo che ogni customer interaction abbia un risultato misurabile. Queato implica anche intercettare le interazioni a valore nullo, ed evitarle, rimuoverle dai processi aziendali, aggiustare le cose in modo che quelle situazioni non si verifichino nuovamente.

Ho pagato questa lezione 15 Euro, ma ne farò tesoro, e farò in modo che i miei clienti possano trarne insegnamento.

Nota a margine: disattivate la possibilità di attivare servizi a pagamento sul vostro conto telefonico. Ci vuole un secondo e vi risparmiate potenzialmente delle rogne.


Also published on Medium.

One thought on “TIM Mobile, i servizi a pagamento, ed il CRM senza valore aggiunto”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *